sabato 26 novembre 2016

Arte tra le dita - Come nel Palazzo Reale di Torino gli ipovedenti scoprono il genio umano

Risultati immagini per palazzo reale torino facciata

Arte tra le dita

Come nel Palazzo Reale di Torino gli ipovedenti scoprono il genio umano


Mai pensato a come un ipovedente possa visitare un museo?
All'interno di uno spazio nel quale sono esposte opere spesso innaviccinabili e godibili solo attraverso lo sguardo, un individuo con difficoltà visive come può carpire l'armonia dei colori o delle forme? Come poter concepire uno stile artistico o architettonico senza poterlo vedere?

Il Museo ospitato all'interno del Palazzo Reale di Torino ha organizzato tra il 2013 ed il 2015 una serie di visite guidate in onore della Giornata mondiale per le persone diversamente abili; la direttrice, Maria Carla Visconti, ci descrive questo nuovo itinerario in modo positivo: << Il percorso tattile intende facilitare la conoscenza delle forme d’arredo presenti nella prima Residenza Sabauda, mediante l’allestimento di oggetti provenienti dai depositi del Palazzo e appositamente scelti in base all’ambiente da descrivere. >>.

I visitatori ipovedenti hanno potuto esplorare con le mani campionari di tagli in legno, un esemplare di taboretto, elementi decorativi in bronzo dorato ottocenteschi, lo splendido trono della regina Maria Teresa D’Asburgo Lorena e un panchetto della Sala del Consiglio; questi ultimi permetteranno agli astanti di conoscere il genio decorativo di Pelagio Palagi e quello tecnico di Gabriele Capello.

Ad oggi, il Museo Palazzo Reale di Torino, non ha organizzato ulteriori percorsi che perseguono l'obbiettivo di conciliare l'arte con disabilità sensoriali; parti delle diverse mostre, come gli Appartamenti di Rappresentanza ed il Museo delle Antichità, sono, tuttavia, accessoriate di alcuni strumenti che permettono a coloro che hanno problemi di percezione o che sono semplicemente curiosi di vivere le opere attraverso il senso del tatto, di toccare riproduzioni tridimensionali di alcuni reperti o di alcuni quadri.

Il primo esempio concreto della realizzazione di questo progetto, è la riproduzione in bassorilievo del dipinto Pala Madonna con Bambino in trono con San Giovanni Battista e San Nazario (1523) di Defendente Ferrari.

Una fase della lavorazione del bassorilievo 

La riproduzione dell'opera, in resina bianca, è stata realizzata dal Museo tattile di pittura antica e moderna "Anteros" dell’Istituto dei Ciechi Francesco Cavazza di Bologna; essa rende possibile la traduzione dei valori plastici e spaziali della pittura, trasferendo nella percezione tattile, i dati cognitivi presenti nella percezione visiva. L'opera esposta nella Galleria Sabauda di Palazzo Reale sarà affiancata dal bassorilievo e da un testo d’ausilio, in brail, con indicazioni sulle tecniche di esplorazione tattile dell’opera.
 L'unica mancanza, che per ora non può essere purtroppo colmata, è l'impossibilità di trasmettere i colori attraverso il tocco delle dita. La soluzione, potrebbe essere la creazione di descrizioni cromatiche dettagliate, utili a tutti coloro che non hanno riscontrato la cecità dalla nascita

Un'ulteriore opera, con la quale chiunque può intrecciare le dita, è il Busto di Lucio Vero (I secolo a.C.-III d.C.), proveniente dal Tesoro di Merengo ed esposto nel Museo d'Antichità.

Risultati immagini per Lucio Vero dal Tesoro di Marengo



Estremamente curiosa ed interessante è la descrizione che correda quest'opera, nella quale è brevemente spiegato il metodo scanning, tramite cui molti reperti vengono riprodotti: "lo scanning è un insieme numerosissimo di punti distribuiti sull'oggetto da rilevare, che ha come finalità quella di creare un modello digitale tridimensionale del tutto simile al vero.".


Per concludere, l'arte è patrimonio dell'umanità ed in quanto tale dovrebbe essere accessibile a tutti.
E' apprezzabile l'iniziativa del Museo del Palazzo Reale di Torino di promuovere una nuova forma di esposizione, nella quale è possibile per tutti, persone con disabilità e non, di esplorare le opere nella loro più profonda intimità, accarezzando le forme non solo con lo sguardo ma anche con le mani.
Ammirabile anche la struttura della mostra, che esclude barriere architettoniche permettendo l'accesso a coloro che presentano difficoltà motorie momentanee o permanenti.

Tutte le esposizioni, o almeno, una buona parte, dovrebbero essere così concilianti.


 Fonti:

 http://www.ilpalazzorealeditorino.it/Eventi/Eventi-del-Palazzo%20Reale%20di%20Torino.asp?Sez=3&Read=1&disp=1&id=53

http://www.uicpiemonte.it/news/palazzo-reale-torino-bassorilievo-tattile-ipovedenti 


Cari lettori, oggi vi propongo un vero e proprio articolo, molto semplice e lineare.
Esso è nato da una mia visita, in data 29 ottobre 2016, al Museo Palazzo Reale di Torino. Mi aveva molto colpita la riproduzione del busto di Lucio Vero che, come avete potuto vedere nella foto, mi sono divertita ad esplorare con le mani e gli occhi chiusi.
Ringrazio Federico che con me vive sempre molte avventure, dalle quali traggo innumerevoli benefici.

Ditemi cosa ne pensate dell'articolo e se avete anche voi visitato questa meravigliosa esposizione a Torino!


Alla prossima,
Erica.






4 commenti:

  1. Ciao ho appena scoperto il tuo blog e devo farti i complimenti perché mi piace molto :)
    Questo articolo è davvero interessante, mi piace l'arte e non pensavo esistessero delle mostre così! Spero di visitarla anche io prima o poi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felicissima che il mio blog e che questo mini articolo ti siano piaciuti! Ti consiglio vivamente di visitare Palazzo Reale di Torino, ne vale la pena, soprattutto in una giornata di bel tempo :)

      Ci "rileggiamo" presto,
      Grazie ancora,
      Erica

      Elimina
  2. Ciao, Erica! Grazie al blog di Claudia sono approdata anch'io nel tuo piccolo angolino, e devo dire che mi sembra davvero molto carino 😊 Io non amo molto l'arte, eppure queste mostre sembrano davvero interessanti 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cara, sono molto felice che ti piaccia il mio spazio! Grazie per il supporto :)
      Questa particolare mostra a Torino l'ho trovata abbastanza interessante, più per le installazioni tattili che per le opere esposte, non amo molto gli antichi manufatti, preferisco dipinti e sculture. Forse potrebbe piacerti maggiormente la visita all'interno delle stanze nobiliari del Palazzo Reale.
      Grazie per il commento :D
      Alla prossima,
      Erica.

      Elimina

Firefly Pointer