domenica 19 giugno 2016

Ricordi di un ragazzo del '35 - Baratto in Via Torino


Baratto in Via Torino

Ilario Regalin

1984-85 circa, abitava a Niguarda

Quel giorno dell'ormai lontano 1985 mi recai al mercato d'antiquariato di Senigallia; all'epoca era situato a Porta Ticinese.
Comprai una statua di legno alta più o meno un metro. Era ancora grezza, non lavorata e raffigurava una donna con dei fiori in mano.

Tenendo la statua tra le braccia mi incamminai verso casa passando per Via Torino; ad un certo punto mi soffermai a guardare la vetrina di un negozio di abiti da cerimonia, appoggiando la scultura sul marciapiede, vicino alla porta d'ingresso dell'esercizio.

Dopo alcuni minuti che ammiravo un completo che mi piaceva, pensando che mi serviva per partecipare al matrimonio di mia sorella Daniela, il proprietario uscì dal negozio e indicando la statua mi chiese se fosse mia.
Io risposi di si ed egli mi propose di barattarla per uno dei suoi costosi completi.

Accettai, felice e sorpreso.

Entrai nel negozio per provare quello che sarebbe stato il mio nuovo abito e, lasciata la statua, me ne andai con il completo in mano.

____________________________

Questo era l'ennesimo racconto che ho rubato; "Baratto in Via Torino" è una storia stravagante ed insolita che ho apprezzato molto.


A presto lettori,
Erica.


 

2 commenti:

  1. ciao! Sono arrivata al tuo blog per caso, ci ho fatto un salto veloce e devo dire che mi è piaciuto molto, infatti mi sono subito aggiunta ai tuoi lettori fissi!
    Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille sono davvero felice che il mio blog ti abbia colpita! Erica

      Elimina

Firefly Pointer